CROSTATA AL CACAO CON CREMA PASTICCERA AL MARSALA

Ancora una crostata con guscio e ripiena di crema ma questa volta per variare un po nella pasta frolla ho aggiunto il cacao e la crema pasticcera l’ho aromatizzata con il Marsala.
Per guarnirla niente frutta ma un decoro a ragnatela fatto con il cioccolato. 
Eccovi la ricetta!

COSA SERVE per 12 porzioni
PER LA PASTA FROLLA AL CACAO:

  • 270 g di farina 00
  • 30 g di cacao amaro
  • 100 g di zucchero semolato
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale 
  • 100 g di burro
  • 2 uova (tuorli e albumi)
  • stampo per crostata da 24 o 26 cm
  • carta forno e legumi secchi per la cottura in bianco

PER LA CREMA PASTICCERA AL MARSALA:

  • 4 tuorli
  • 100 g di zucchero semolato
  • 20 g di farina 00
  • 20 g di maizena
  • 1 bustina di vanillina
  • 1/2 l di latte
  • 3 cucchiai di marsala dolce

PER IL DECORO A RAGNATELA:

  • 50 g di cioccolato al latte

PROCEDIMENTO
Per la pasta frolla al cacao:

1 – Ungi con il burro e infarina lo stampo. 
Nel mixer con la frusta, versa la farina, il cacao, lo zucchero, la vanillina , un pizzico di sale e il burro freddo tagliato a dadini. Fai lavorare fino ad ottenere un composto sabbioso poi aggiungi le uova.
2 – Togli la frusta e inserisci il gancio e lascia lavorare fino a completo assorbimento delle uova e ad avere un impasto umido.
3 – A questo punto trasferisci l’impasto su un piano da lavoro e compattarlo con le mani.


4 – Con il mattarello stendi la pasta di dimensioni un po più grandi dello stampo.
5 – Arrotola la pasta sul mattarello.
6 – Srotola la pasta sopra lo stampo.

7 – Con le mani fai aderire bene la pasta ai lati.
8 – Con una leggera pressione passa il mattarello sopra lo stampo così da tagliare la pasta in eccesso.
9 – Con i rebbi di una forchetta bucarella la pasta frolla poi coprila con la pellicola trasparente e metti in frigo a solidificare per almeno 30 minuti.

10 – Preriscalda il forno a 180°.
A temperatura raggiunta prendi lo stampo dal frigo e togli la pellicola trasparente.
11 – Copri la pasta frolla con un foglio di carta forno e sopra versa dei legumi secchi e fai cuocere per 15 minuti.
12 – Estrai la crostata dal forno, togli la carta forno con i legumi, dopodichè prosegui la cottura per altri 8 – 10 minuti e fai raffreddare su una gratella.



Per la crema pasticcera al marsala:
13 – In una casseruola scalda ma non far bollire il latte. Nel frattempo in una terrina lavora i tuorli con lo zucchero con una frusta a mano, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
14 – Aggiungi il marsala e amalgamalo, poi con un setaccio versa le due farine e la vanillina, mescola bene fino ad ottenere un composto omogeneo.
15 – A questo punto versa a filo il latte caldo mescolando continuamente.
16 – Trasferisci tutto nella casseruola e fai cuocere su fiamma media senza mai smettere di mescolare.
17 – Quando la crema inizia ad addensarsi mescola più energicamente e fai bollire per 1 o 2 minuti, fino ad ottenere una crema dalla consistenza densa che dovrà velare i bordi del cucchiaio.
18 – A questo punto trasferisci la crema in una pirofila così da fermarne la cottura e impedire che si rapprendi ulteriormente.
Copri con la pellicola trasparente in modo tale che sia a contatto con la crema per evitare che si formi la pellicina sulla crema e lascia che raffreddi completamente.

Assemblaggio della crostata:
20 – Togli la pellicola trasparente alla crema e mescola energicamente con un cucchiaio fino a che non risulta di nuovo liscia, cremosa e spalmabile.
A questo punto versala all’interno della crostata e livellala uniformemente.
21 – Sciogli il cioccolato al microonde o a bagnomaria poi versalo dentro un cornetto di carta forno o un sac a poche con beccuccio piccolo per scritte. Crea dei cerchi, uno dentro l’altro, distanti tra loro 2 cm circa.
22 – Con uno stuzzicadenti traccia una riga che parte dal centro verso l’esterno poi sposta la mano di 2 cm e traccia un’altra riga che parte dall’esterno fino al centro e così via.


Grazie per essere passati sul mio blog
per restare aggiornati con nuove ricette

Leave a Reply